Da Spark a Vivaldi. Cresce il tablet KDE

tablet-sparkDue buone notizie da Aaron Seigo sul tablet con KDE Plasma Active. Non si chiamerà più Spark ma Vivaldi, ed avrà una distribuzione e una realizzazione superiore alle attese. Andiamo con ordine. Il cambio nome è dovuto a questioni di copyright; è un’ottima cosa in prospettiva perché sotto sotto lascia intendere che il progetto Spark non sarà roba per pochi, ma avrà una sua distribuzione e aziende partners alle spalle.

Di ritorno dal CeBIT 2012, Aaron Seigo – a capo del progetto – sembra aver diverse novità da presentare; ha promesso di ufficializzarne nelle prossime settimane ma è facile immaginare nuove collaborazioni per lo sviluppo del tablet. Tempo fa si era parlato di una variante con schermo 10 pollici del Vivaldi; ora si accenna la distribuzione in America Latina e ad una partnership con Zenithink (l’azienda che costruisce il tablet di riferimenti C71) che porterà nuovo hardware.

Il progetto cresce, si sta sviluppando, e probabilmente non riguarderà più solo un tablet cinese a cui una comunità di appassionati ha installato KDE, ma un prodotto da tenere seriamente in considerazione. Tutti i dettagli su aseigo.blogspot.com. Sotto la presentazione del tablet al CeBIT della scorsa settimana. Ricordo che si può acquistare una prevendita del tablet Vivaldi per circa 200 euro.