Lupo: localizzatore e antifurto Bluetooth

Lupo: localizzatore e antifurto Bluetooth

Lupo è un localizzatore e antifurto Bluetooth per dispositivi portatili. Ha un sacco di funzioni utili: può abbinarsi ad uno smartphone per inviare SMS, coordinate e messaggi in caso di furto o quando si è superata una certa distanza da un punto prestabilito e anche bloccare un pc/tablet da remoto al verificarsi di certe condizioni.

Ha un pulsante, un accelerometro e SDK pubbliche, e questo lo rende funzionale con app dedicate: un esempio di integrazione è l’uso come pulsante di scatto dell’app camera di iPhone, o come telecomando cambia pagina di una presentazione. Può, infine, sfruttare i dati ed inviare ad altri dispositivi Lupo situati nelle vicinanze per fornire una localizzazione anche quando non può contare sul segnale del suo dispositivo associato (perché, magari, è troppo distante).

Lupo è un progetto inglese in cerca di fondi su Kickstarter. Mentre scrivo, mancano 9 giorni e circa 6000 sterline alla chiusura della campagna. L’idea è venderlo a circa 40 sterline ma per i backers Kickstarter sono in corso promozioni per averne uno a 18 sterline, oppure 3 + SDK a 95 sterline. Il prezzo comprende la personalizzazione del retro con una scritta o un marchio. Se tutto andrà bene, verrà distribuito a giugno 2014 in tre colorazioni: bianca, nera e blu. Ce la farà?

Avevo sentito parlare di Lupo a febbraio, ma lo avevo ritenuto troppo simile a Tile, l’altro dispositivo di tracking realizzato grazie al crowdfounding. L’occasione giusta per parlarne è stato il test pubblicato ieri da Pocket-Lint. Il sito inglese ha provato un prototipo di Lupo e messo in evidenza le differenze con Tile. Su tutte, l’autonomia della batteria sostituibile (una CR2032) che qui arriva ad un anno, il pulsante di controllo gestibile con le SDK e l’accelerometro 3 assi che aumenta le possibilità di riconoscimento del movimento rendendolo, di fatto, una sorta di air-mouse.

Il prototipo usato per la prova aveva anche alcuni extra come la vibrazione integrata, ma non è detto che questi verranno incluso nel dispositivo finale. La parte più intrigante di questi dispositivi è la funzionalità di collaborazione con altri simili. Al momento non esiste un servizio unificato, quindi ognuno dialoga solo con i suoi fratelli. Immaginate un sistema capace di comunicare con ogni modelli, sfruttare ed inviare dati così da ricavare una sorta di mappa in tempo reale, per quello che sarebbe un utilissimo sistema per la localizzazione di materiale rubato o smarrito.

Si potrebbe intrecciare il tutto anche con i dati dei nostri smartphone, fornendo così un ulteriore database di dati e informazioni. Pensate a tutto gestito dagli stessi utenti, da un’app sociale o un social network dove un amico o una persona nella nostra lista ci chiede aiuto per localizzare il suo oggetto rubato. Sarebbe forse il social network più utile di tutti, no? Chissà se esiste già qualcosa di simile.

Lupo Bluetooth – Ecco come funziona

  • paperino

    somiglia moooooltissimo all’o’click di oppo…credo che vedremo molti dispositivi del genere in futuro

  • Andrea Baiardi

    https://xone.vodafone.it/it/products/findxone/

    diciamo simile come idea

    Andrea