Solo una dozzina di Pixel Qi in commercio

Mary Lou Jepsen torna dopo mesi di assenza con un nuovo post sul blog Pixel Qi. Lo fa con una notizia che può sembrare positiva, ma che ci ricorda ancora una volta quanto i suoi pannelli transflettivi siano un prodotto di nicchia.

Sono solo 12 i dispositivi che ne fanno uso ad aver raggiunto un’efficace distribuzione, tra cui compare il Notion Ink Adam (non certo un best-seller) e altri prodotti dedicati a settori specifici del mercato; il più famoso è senza dubbio il Laptop XO di OLPC, ma c’è spazio per tablet e netbook minori, alcuni visti solo recentemente  (come l’Hydra T3, il PadPro di EviGroup e il JoyPlus M10PQ). Trovate la lista completa su pixel qi.com.

C’è anche modo di rilanciare l’arrivo di altri 2 prodotti, compreso il Light 2 di ZTE visto al recente CES 2012, e per promettere imminenti novità sulla tecnologia usata per la produzione, che permetterà risoluzioni maggiori, quindi la potenziale adozione su prodotto “recenti”.

Gli schermi Pixel Qi sono gli unici, attualmente, a fornire i vantaggi delle soluzioni LCD e dei pannelli E-Ink, ovvero sono gli unici a consumare poco e garantire ottima visibilità alla luce diretta. Non sono, invece, gli unici ad avere problemi di espansione; anche i Mirasol, per quanto tecnicamente differenti, sono ancora lontani dalla distribuzione di massa, per non parlare degli E-Ink Triton e di altri display alternativi. Da questo punto di vista, i 12 Pixel Qi in vendita sono un vero successo.

pixel-qi-display

Abbiamo
una nuova
App Android!
Facciamo acquisti online da una vita. Per questo ti consigliamo di provare Amazon.
Compra su Amazon.it