Intel interessata a Mali? E' nei partners

Tra le slide di presentazione del chip grafico Mali T658 ce n’è una dove Intel è inserita tra i semiconductor partner. In pratica è tra i produttori che possono usare questo processore ARM, che hanno la licenza per farlo. E’ una situazione curiosa che eetimes cerca di analizzare.

mali-intel-chip

Intel nel gruppo semiconductor partners

Da una lato ci sono le prestazioni stimate del prodotto, superiori a quelle del precedente Mali 400 MP4 che è ancora la GPU più veloce usata su smartphone, dall’altro la collaborazione con Imagination Technologies Group, azienda del gruppo ARM proprietaria del marchio PowerVR. Da considerare che, dal 2009, Intel possiede il 14% di questa, così come Apple ne detiene il 9.5% per l’uso dei core PowerVR.

Quindi cosa se ne fa Intel dei nuovi chip grafici Mali? E’ difficile da dire, anche perché un’azienda grande come Intel potrebbe semplicemente avere diverse strategie per un unico settore e non è detto che una escluda l’altra. Una di queste potrebbe derivare dall’acquisizione della divisione wireless di Infineon Technologies AG avvenuta a fine 2010, dalla quale Intel avrebbe ereditato la licenza Mali; oppure potrebbe lasciar intendere l’uso di questo chip grafico in una delle prossime piattaforme dedicate al settore mobile.

A tal proposito, si parla di nuovi processori Intel realizzati appositamente per tablet pc. Dopo i chip Medfield che vedremo nel 2012, l’azienda dovrebbe aggiungere alla roadmap nuove CPU a basso consumo progettate per rivaleggiare con ARM in efficienza energetica e prestazioni. Per raggiungere questo obiettivo, il processo produttivo verrà aggiornato ogni anno, non ogni due, fino ad arrivare ai 14nm degli Atom Airmont previsti nel 2014. Non si conosce altre in questo momento.

Via: netbooknews.com